Capodrise. Foro nel muro e fuga con bottiglie di champagne di 70.000 €, in 2 nei guai

73

‘Il 27 Giugno 2022 personale della Squadra Mobile di Caserta, con la collaborazione di personale del Commissariato di Marcianise, ha sottoposto a fermo di indiziato di delitto due cittadini Albanesi, D. I. classe 1998 e K. E. classe 1994, entrambi pregiudicati per reati contro il patrimonio, essendo emersi a loro carico gravi indizi per i delitti di rapina e furti pluriaggravati ai danni di due imprenditori, titolari di rivendite all’ingrosso di vini e liquori di pregio. L’attività investigativa ha preso le mosse dalla rapina consumata la notte dello scorso 26 giugno, quando due soggetti, entrati nell’esercizio commerciale “Distribuzioni Siciliano” in Capodrise alla via Ponteselice, praticando un foro nel muro perimetrale, aggredivano il custode con calci, pugni e oggetti contundenti, sottraendo numerose bottiglie di champagne per un valore di circa 70.000 euro, dandosi subito dopo alla fuga. L’azione criminosa aveva numerose analogie con: 

– un furto consumato in danno della medesima azienda il 4 giugno 2022 allorquando due soggetti, previa effrazione di una finestra, si introducevano all’interno del magazzino, sottraendo bottiglie di champagne per un valore di circa 30.000 euro e 20.000 euro di denaro contante; un furto consumato in danno dell’azienda “Special Drinks”, in Portico di Caserta l’11 giugno 2022, allorquando sempre due soggetti si introducevano nel deposito, sottraendo 200 bottiglie di champagne per un valore di circa 58.000 euro e 6.000 euro di denaro contante; Gli immediati approfondimenti investigativi condotti dalla Sezione Antirapina della Squadra Mobile di Caserta, anche con il supporto di personale della squadra di P.G. del Commissariato di Marcianise, prendendo le mosse dall’ultimo episodio, consentivano di identificare i presunti responsabili in due soggetti albanesi rintracciati, all’alba della mattina seguente, in Santa Maria Capua Vetere. Nel corso della perquisizione venivano rinvenute e sottoposte a sequestro numerose cose pertinenti ai reati sopra richiamati quali, in particolare, capi d’abbigliamento e telefoni cellulari con risultanze informatiche rilevanti per l’attribuzione alla responsabilità dei due dei fatti in contestazione. Pertanto, sulla base degli elementi raccolti, la Squadra Mobile di Caserta, con il supporto di personale del Commissariato di Marcianise, nella tarda serata del 27 giugno, procedeva al fermo di p.g. nei confronti dei due cittadini albanesi gravemente indiziati dei delitti di rapina pluriaggravata e furti pluriaggravati, provvedimento che, su richiesta di questa Procura, il Gip ha convalidato, emettendo ordinanza applicativa della misura cautelare della custodia in carcere’. Comunicato stampa della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere.