Caserta. Don Michele Cicchella non c’è più. “E’ tornato alla casa del padre”

204

“Il nostro Vescovo Pietro, unitamente al clero casertano e ai familiari, annuncia l’ingresso nella casa del Padre di don Michele Cicchella ed eleva insieme a tutta la Chiesa di Caserta fervide preghiere al Signore affinché doni al suo servo fedele il premio dei giusti”. Questa la laconica nota stampa della Diocesi di Caserta.

Giuseppe Frondella, Responsabile Ufficio Stampa e Comunicazione della CASERTANA FOOTBALL CLUB SRL, comunica attraverso i social, un pensiero di addio per l’amato Don: “Un dolore che dilania. Non ci posso credere. Sei la mia infanzia, la mia adolescenza, la mia maturità. Sei il Rione Acquaviva.

Un simbolo per tanti di noi cresciuti in quel cortile. Tu che hai sempre voluto aprire quelle porte a tutti noi. Nessun cancello, nessuna barriera, nessuna chiusura programmata, nessuna venalità. Solo un grande sorriso. Ma che ne sanno i tuoi ‘colleghi’ che oggi siedono dall’altra parte, insieme ai presunti ‘potenti’ della città e che si vestono di finto perbenismo. Tu che accettavi che il nostro Super Santos piombasse improvvisamente nella navata centrale durante una messa.Mi hai insegnato che si può scegliere di ricoprire un ruolo senza snaturarsi. Liberi di essere così come ci si sente. Ti ricorderò sempre con quel sorriso. Quella semplicità. Un tassello fondamentale della mia vita. Proprio per me che di quel mondo lì riesco a concepire ed apprezzare ben poco. Non voglio crederci che non ci sei più. … Ma in fondo, non è vero che sei andato via.

Sei qui dentro. Ieri, oggi e sempre. Voglio dirti semplicemente GRAZIE! Ciao Don Michè”.