CC: Consegna a domicilio di cocaina, hashish, marijuana e crack, in 9 nei guai

45

Di seguito il comunicato stampa cortesemente inviatoci dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere: “Questa mattina i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Maddaloni hanno dato esecuzione ad un’ordinanza emessa dal GIP presso il Tribunale di santa Maria Capua Vetere con la quale, su richiesta di questa Procura, è stata applicata la misura cautelare della custodia cautelare della custodia in carcere nei confronti di sei indagati e quella dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria nei confronti di tre indagati. E’ stato contestualmente effettuato il sequestro preventivo dei beni degli indagati. 

Ai predetti, da ritenersi non colpevoli fino alla sentenza irrevocabile di condanna, sono stati contestati i delitti di detenzione e cessione di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, hashishmarijuana e crack, commessi nei Comuni di Maddaloni, Santa Maria a Vico e Caserta. L’indagine, coordinata da questa Procura della Repubblica e svolta dai citati militari dell’Arma da febbraio a novembre 2021, attraverso servizi di osservazione e controllo, intercettazioni telefoniche e ambientali, ha consentito di accertare l’esistenza di un gruppo di persone che, in proprio, aveva avviato una intensa attività di spaccio. Lo stupefacente era acquistato nell’hinterland napoletano e, come emerso dalle indagini, ai clienti abituali era praticato uno sconto. Nelle conversazioni intercettate la merce era chiamato con termini convenzionali, “borsa”“chiave”, “fotocopia”, “benzina”, “macchina grande”, macchina piccola”. Il sodalizio disponeva di un numero elevato di telefoni cellulari e di molteplici schede telefoniche intestate, per lo più, a cittadini extracomunitari. Per comunicare tra loro utilizzavano per lo più app messaggistiche istantanee quali whatsapp e telegram. Era prevista anche la possibilità di ricevere lo stupefacente direttamente a casa. Per la consegna a domicilio era stato stabilito il sovrapprezzo di 5 €. Nel corso dell’intera attività sono stati accertati 550 episodi di spaccio”. Foto di repertorio.