CE. Comitato Parco Degli Aranci: “atteggiamenti aggressivi nei confronti degli abitanti”

140

Il Comitato Parco Degli Aranci di Caserta tempo fa è stato costretto a far presente alle forze dell’ordine del verificarsi di atti vandalici e comportamenti violenti all’interno del Parco. Così giorni fa scriveva il Comitato sulla propria pagina Facebook: ‘Purtroppo molto a malincuore, noi del comitato dobbiamo notificare un esposto alle forze dell’ordine. A malincuore perchè abbiamo tentato più volte di porre rimedio a varie situazioni incresciose e abbiamo anche rischiato la nostra incolumità fisica e quella dei bambini più piccoli e dei ragazzi abituali frequentatori che vengono a giocare o a stare un po’ insieme tranquillamente in villetta. A malincuore perchè non lo avremmo mai voluto fare perchè scegliamo sempre il dialogo e l’inclusione ma stiamo rischiando troppo,non solo come abbiamo scritto sopra dal punto di vista fisico, ma rischiamo ogni giorno di vanificare il nostro “lavoro”. Il Comitato espone quanto segue: “Il presente atto ha la finalità di porre all’attenzione delle SS.VV. accadimenti inerenti la zona di“Parco degli Aranci” a Caserta, affinché gli organi competenti possano eseguire gli opportuni accertamenti. Infatti, in zona “Parco degli Aranci” sia in orario diurno che serale– complice la presenza di zone senza adeguata illuminazione – si sono verificati atti vandalici e atteggiamenti aggressivi nei confronti degli abitanti, adulti e bambini, del quartiere da parte di una baby gang di almeno dieci ragazzini di età compresa tra i 14 e i 16 anni, come di seguito viene meglio riportato:- In Viale degli Ulivi hanno aggredito e accerchiato un’automobile che veniva battuta con pugni sui vetri e sul cofano, al cui interno c’erano una signora e una bambina;- In Viale degli Ulivi lo stesso gruppo è solito sostare fino a tarda ora lanciando sassi contro veicoli;- In Viale delle Querce nella piazzetta di sosta delle auto davanti la scuola elementare “V circolo Don Milani” vengono lanciate le arance che cadono dagli alberi rimasti in zona, contro i veicoli;- Nella “Villetta Santa Maria delle Beatitudini” entrano a tutte le ore con i monopattini elettrici a velocità non consentita per la presenza di bambini piccoli che giocano;- Entrano nella “Villetta Santa Maria delle Beatitudini” anche dopo la chiusura scavalcando i cancelli per danneggiare le giostre dei bambini e tutte le attrezzature da gioco (tavolo e racchette da ping-pong che ci sono stati rubati).

Anche alcune redazioni giornalistiche cittadine hanno riportato l’accaduto (il link nei commenti) segnalando altresì la presenza di questi ragazzi all’interno delPlayground di basket in Viale delle Querce oltre l’orario di chiusura, quindi scavalcando il cancello di ingresso; in questo articolo, è segnalato altresì il furto di carrelli presso il supermercato Eurospin in zona Parco degli Aranci (via Appia), oltre che gli episodi già descritti finora.Con l’occasione, segnalo altresì il sig. xxxxx che è stato più volte invitato in maniera educata a tenere il suo pitbull a guinzaglio dal Comitato senza nessun risultato, nonostante ci siano anche cartelli all’ingresso che invitano a rispettare la legge. L’intervento sociale che il Comitato porta avanti è però ostacolato e spesso vanificato da questi episodi, pertanto si chiede la presenza e l’intervento delle SS.VV. anche al fine di tutelare un percorso di gestione condivisa considerato tra i più virtuosi in città. Ci preme altresì specificare che quanto qui richiesto alle SS.VV. è da intendersi complementare ad un’azione di prevenzione e cura educativa e sociale che intendiamo continuare a portare avanti, in ottica di rete con docenti, genitori ed altri operatori di enti pubblici e privati coinvolti nell’animazione socioculturale del quartiere. CHIEDEche le SS.VV. dispongano gli interventi necessari nella zona “Parco degli Aranci” per gli opportuni accertamenti in ordine ai fatti così come esposti dettagliatamente in narrativa’.

E’ di pochi minuti fa un nuovo post del Comitato, che scrive in una nota: ‘…A quanto pare dopo le nostre denunce i ragazzini si sono scatenati ancora di più, come ieri sera che hanno cercato di sradicare piante e distruggere l’arredo urbano circostante alla villetta. E’ evidente che il loro disagio si esprime distruggendo la bellezza che noi cerchiamo di costruire e di conservare nel nostro quartiere,ma noi non molliamo e li invitiamo con noi al dialogo e alla costruzione di nuove attività nel quartiere visto che la noia e il disagio li portano a compiere gesti senza senso. Gesti senza senso perche’ è assurdo distruggere quello che facciamo anche e soprattutto per loro ,per rendere vivibile e conviviale la villetta e tutto quello che c’è intorno, come anche il playground in affido a Celebration Italia…’