Ce. Malamovida. Il bilancio delle operazioni della Polizia Municipale

33

Questa parte della nota stampa della Polizia Municipale di Caserta: “La Polizia Municipale di Caserta nel mese di luglio nell’ambito dei servizi congiunti con le altre FF.OO., al fine di contrastare la malamovida, ha sanzionato un’attività commerciale per l’inottemperanza all’Ordinanza Sindacale n° 25/2022, ovvero per la somministrazione di alimenti e bevande oltre le ore 03.00 del mattino (complessivamente dall’emissione delle Ordinanze Sindacali n° 12 del mese di aprile e n° 25 del mese di giugno u.s. sono state sanzionate diciotto attività). Da questo dato emerge- si legge nella nota- che la chiusura dei locali alle ore 3 del mattino è stata recepita dalla totalità degli esercizi pubblici. E’ stato segnalato all’Ispettorato Nazionale del Lavoro un pubblico esercizio sorpreso con un lavoratore in nero. Infatti all’atto del controllo il lavoratore, … non ha saputo documentare la richiesta telematica UNILAV, entro le successive 24 ore dalla presa di servizio. Prevista una sanzione da 1.880 a 10.800 euro e l‘assunzione a tempo indeterminato. Sono stati sanzionati venticinque attività per occupazione di suolo pubblico per aumentare la superficie di somministrazione senza autorizzazione nelle zone della movida, in via Turati, via Piazza Matteotti, Largo San Sebastiano, Piazza Cattaneo, Corso Trieste, via De Martino, Corso Giannone, Piazza Vanvitelli, Piazza Gramsci e Largo Sant’Elena. Dall’inizio dell’anno sono state sanzionate cinquantadue attività commerciali.

A seguito dei controlli effettuati il sabato sera in Piazza Dante da segnalare la sanzione a carico di un … che veniva sorpreso alla guida … senza aver conseguito la patente. A carico della madre, proprietaria del veicolo, è stata elevata una sanzione di euro 5.100 per la violazione commessa dal figlio minore ed euro 397,00 per incauto affidamento del veicolo, al quale è stato applicato il fermo per tre mesi. Oltre a numerose sanzioni elevate per violazione del codice della strada sono stati rimossi circa quaranta veicoli al fine di ripristinare decoro e sicurezza stradale. Dall’inizio dell’anno sono state rimossi millecentoquarantaquattro veicoli. Eseguiti quattro trattamenti sanitari obbligatori con scorta del 118 per il trasporto degli interessati presso le strutture ospedaliere di riferimento. Dall’inizio dell’anno sono stati eseguiti in totale diciassette trattamenti. Sono state emanate cinquantanove Ordinanze Dirigenziali, ai sensi dell’articolo 7 del codice della strada, al fine di disciplinare nuovi comparti stradali, di istituire o revocare stalli di sosta, per modifiche temporanee della circolazione in occasione di manifestazioni, cerimonie, lavori stradali, per istituzione- si legge nella nota- di nuovi divieti di sosta o di stalli per persone diversamente abili, per chiusure strade causa sprofondamenti o pericoli per la pubblica e privata incolumità.”