CE. Pasqua alla Reggia, Sabato e domenica aperti anche Teatro di Corte e Castelluccia

81

Festività pasquali alla Reggia di Caserta. Sabato 9 e domenica 10 aprile aperti anche il Teatro di Corte e la Castelluccia.

Lunedì dell’Angelo e giovedì 13 aprile chiuso il Giardino Inglese

La Reggia di Caserta pronta ad accogliere i visitatori per le festività pasquali. L’Istituto del Ministero della Cultura, patrimonio Unesco dal 1997, sarà regolarmente aperto nelle giornate del 9 aprile (Pasqua) e del 10 aprile (Lunedì dell’Angelo). Non sarà visitabile martedì 11 aprile, giorno di consueta chiusura settimanale.

Il Museo, che nel solo mese di marzo ha accolto oltre 86mila persone, si prepara per un fine settimana all’insegna della meraviglia. Per favorire la conoscenza del suo immenso patrimonio vegetale, grazie alla collaborazione del personale cui va un grande riconoscimento per l’impegno quotidiano profuso nel far fronte alle gravi carenze di organico, sabato 8, domenica 9 e lunedì 10 aprile sarà aperta anche la Castelluccia nel Bosco Vecchio. Il “fortino” del Parco reale, circondato da magnolie monumentali, palme e araucarie, schiuderà le sue porte per stimolare sempre nuove suggestioni nei pubblici dei giorni di festa.

Per garantire la tutela del patrimonio, del personale e dei visitatori, i biglietti di accesso al Complesso vanvitelliano saranno contingentati per numeri e fasce orarie anche per la visita al solo Parco reale. I titoli di ingresso sono in vendita su Ticketone e in biglietteria in piazza Carlo di Borbone. A seguire il dettaglio degli orari e delle modalità di fruizione degli spazi del Museo.

Sabato 8 e domenica 9 aprile

Orari:

Appartamenti Reali dalle 8.30 alle 19.25 con ultimo accesso alle 18.15;

Cappella Palatina dalle 8.30 alle 18.15 con ultimo accesso alle 18.10;

Parco Reale dalle 8.30 alle 19 con ultimo accesso alle 18;

Giardino Inglese dalle 8.30 alle 18 con ultimo accesso alle 17;

Teatro di Corte dalle 10 alle 13 con ultimo accesso alle 12.45.

Lunedì 10 aprile

Orari:

Appartamenti Reali dalle 8.30 alle 19.25 con ultimo accesso alle 18.15;

Cappella Palatina dalle 8.30 alle 18.15 con ultimo accesso alle 18.10;

Parco Reale dalle 8.30 alle 19 con ultimo accesso alle 18;

Giardino Inglese chiuso;

Teatro di Corte chiuso.

Si informa che nella giornata di Lunedì in Albis è vietato fare pic nic nel Parco Reale anche nella zona della Pineta. Non è consentito introdurre borse frigo e palloni.

Giovedì 13 aprile

Orari:

Appartamenti Reali dalle 8.30 alle 19.25 con ultimo accesso alle 18.15;

Cappella Palatina dalle 8.30 alle 18.15 con ultimo accesso alle 18.10;

Parco Reale dalle 8.30 alle 19 con ultimo accesso alle 18;

Giardino Inglese chiuso;

Teatro di Corte Chiuso;

Si informa che nella giornata del 13 aprile è vietato fare pic nic nel Parco Reale anche nella zona della Pineta. Non è consentito introdurre borse frigo e palloni.

Nel rispetto del regolamento di visita, si ricorda che non è permesso introdurre: 

  • negli Appartamenti reali ombrelli grandi. Quelli piccoli potranno essere (previo imbustamento) portati con sé; negli Appartamenti reali selfie stick, zaini e borse di grandi dimensioni, vanno lasciati al guardaroba; in tutto il Complesso cani o altri animali, fatta eccezione per i service dog per persone con disabilità.

Si rammenta, inoltre, che raggiunto il numero massimo di ticket previsti dal contingentamento non sarà possibile consentire ulteriori ingressi. Si accede al Museo dall’esterno all’orario indicato sul proprio biglietto. L’orario sul ticket è relativo all’ingresso al Complesso vanvitelliano e non alle singole parti di esso. Considerata la grande affluenza di visitatori prevista, è possibile la formazione di file in biglietteria e presso i servizi del Museo. Si suggerisce di consultare il regolamento https://reggiadicaserta.cultura.gov.it/regolamento e le FAQ, le risposte alle domande che vengono poste più di frequente dai nostri visitatori, https://reggiadicaserta.cultura.gov.it/faq.

Nell’augurare a tutti i visitatori una serena Pasqua, il Museo invita tutti al rispetto del fragile patrimonio che esso racchiude”. Ufficio comunicazione della Reggia di Caserta.