CE. San Valentino alla Reggia con la messa a dimora delle nuove alberature

39

Riceviamo e pubblichiamo: ‘”Il Parco Reale della Reggia di Caserta è custode di un grande patrimonio. Siamo qui per festeggiare l’amore per la Natura”. Con queste la parole il direttore generale Tiziana Maffei ha ieri mattina incontrato i partner del progetto di messa a dimora di nuove alberature all’interno del Parco Reale e accolto ospiti e visitatori che hanno preso parte a un breve momento di condivisione nel Giardino Inglese. A conclusione dell’opera di piantumazione di nuove specie storicamente documentate nel Giardino Inglese, grazie alla sponsorizzazione tecnica di Ellemme Spa di Napoli e alla collaborazione di Eurogiardinaggio di Nicola Maisto srl, in occasione di San Valentino, l’Istituto museale ha voluto ricordare la festa dell’amore con un appuntamento nel romantico paesaggio del Museo Verde.

Dopo una passeggiata lungo i viali del Giardino Inglese, sono stati illustrati ai presenti i dettagli di questa iniziativa e le sue finalità. Nell’ambito delle politiche di rete e del tessuto di relazioni con il territorio promossi dal Museo, erano presenti, tra gli altri, l’assessore alla Cultura del Comune di Caserta, Vincenzo Battarra, il presidente della Camera di Commercio, Tommaso De Simone, il generale Massimiliano Quarto del Comando Brigata Bersaglieri Garibaldi, il tenente Luca Michele Traversa, Comandante del Nucleo Operativo del Gruppo di Caserta della Guardia di Finanza, e i referenti e soci dell’associazione Amici della Reggia di Caserta. ​

Sono quattro le specie che hanno piantato radici nel Parco Reale, scelte con cura sulla base di precise indagini storiche. Si tratta di: Catalpa Bignonioides, albero richiesto all’Orto Botanico del Giardino Inglese della Reggia di Caserta nel 1806 per abbellire la “passeggiata reale” sulla riviera di Chiaia; Picea Abies, conifera sempreverde inserita nel catalogo delle piante del Giardino Inglese all’inizio dell’Ottocento; Syringa Vulgaris, arbusto ornamentale citato nel “Synopsis Plantarum Regii Viridari Casertani” da Giovanni Graefer nel 1803; Quercus Cerris, quercia autoctona censita nel Parco Reale della Reggia di Caserta nel 1876 tra quelle già presenti da tempo. Il direttore Tiziana Maffei, insieme a Maurizio Landolfi, fondatore della Ellemme Spa, Antonio Maisto della Eurogiardinaggio srl e all’agronomo Savino Mastrullo, ha ricordato l’importante lavoro in corso sulla componente vegetale del Complesso vanvitelliano. “Dalla sinergia con il settore privato – ha detto Maffei – possono germogliare importanti risultati. Le operazioni di tutela, salvaguardia e valorizzazione del patrimonio ci vedono impegnati tutti i giorni, su più fronti. Un consapevole e responsabile rapporto con le forze economiche e sociali del territorio può accompagnarci in un percorso virtuoso”.