Covid19, Natale. De Luca: “Se perdiamo la testa ora richiuderemo tutto dopo”

161

Nella giornata di ieri, il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, aveva rilasciato le seguenti dichiarazioni, riportate poi con una nota scritta sulla sua pagina Facebook: “Siamo pienamente nella quarta ondata, la diffusione del virus è maledettamente accelerata. Siamo al punto che, continuando così la crescita, dovremo chiudere i reparti ordinari e riaprire i reparti di terapia intensiva. In Campania il tasso di occupazione delle terapie intensive è molto basso, siamo al 3,5%. Ma abbiamo dato indicazioni di riattivare i posti di terapia intensiva a cominciare dagli ospedali modulari, oltre 70 (i posti) solo all’Ospedale del Mare”.

Il Governatore, ha poi ulteriormente rincarato la dose di prudenza, con l’ultimo comunicato giunto in redazione: “L’ultima ordinanza regionale con la quale abbiamo introdotto misure di contenimento del contagio era il minimo di prudenza e responsabilità necessarie, non è la ghigliottina. L’obiettivo è evitare assembramenti davanti ai bar e ai pub di gente che consuma alcolici, generando rischi.

Non è un grandissimo sacrificio. L’alternativa alla responsabilità e al contenimento del Covid è la chiusura di tutto. Lo dico con grande serenità e semplicità, ma anche con grande chiarezza. Se perdiamo la testa nella settimana dalla Vigilia di Natale e a Capodanno, noi buttiamo a mare tutto quello che abbiamo fatto in questi mesi, e ci ritroviamo a metà gennaio nella necessità di dover richiudere i bar e i ristoranti, le attività che comportano assembramenti, i negozi, le palestre, i cinema, i teatri. Diventerà inevitabile. Tutto rimarrà aperto, magari solo con qualche limitazione come nell’ordinanza, se saremo responsabili.