Furti e rapine in supermercati. In 3 nei guai

231

“Alle prime ore del mattino, nel contesto di un’articolata attività di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, i carabinieri del Comando Stazione di Cesa coadiuvati da personale della Compagnia di Aversa (CE) hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della custodia cautelare emessa dall’Ufficio del G.I.P. del Tribunale di Napoli Nord nei confronti di tre soggetti, M.V. di anni 33, R.A. di anni 20 e F.L. di anni 32, originari di Afragola, tutti indiziati per furti e rapine in danno delle filiali di Cesa (CE), Curti (CE), Casandrino (CE) e Mugnano di Napoli (NA) dell’esercizio commerciale denominato “LIDL”.

Nello specifico il M.V. di anni 33 veniva sottoposto alla misura della custodia cautelare in carcere mentre R.A. di anni 20 e F.L. di anni 32 venivano sottoposte alla misura cautelare degli arresti domiciliari presso la propria abitazione. L’attività d’indagine consentiva di ricostruire attraverso le analisi delle immagini riprodotte dai sistemi di videosorveglianza installate presso gli esercizi commerciali, non solo le fasi delle rapine e/o furti oggetto di indagine ma soprattutto la fisionomia e i volti ripresi durante gli eventi, tale fattore risulva fondamentale per le indagini in quanto permetteva di identificare i tre soggetti autori dei reati.

Si vuole specificare che, durante la commissione dei reati, i tre soggetti colpiti da ordinanza restrittiva erano soliti, qualora scoperti, minacciare ed aggredire fisicamente gli addetti alla vigilanza. Grazie al complesso di tutti gli elementi investigativi raccolti, è stato possibile ricostruire, a carico degli indagati, un grave quadro indiziario avvalorato dal G.I.P. del medesimo Tribunale”. Il comunicato stampa della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli Nord, ci è stato cortesemente inviato dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Caserta.