Maddaloni. Il Sostituto Procuratore A. Imparato incontra gli studenti del V. dei Ragazzi

44

Di seguito, il testo del comunicato della Fondazione del Villaggio dei Ragazzi di Maddaloni, giunto in redazione: “Martedì, 21 Febbraio 2022, alle ore 10.00, presso la sala Chollet della Fondazione Villaggio dei Ragazzi “don Salvatore d’Angelo” di Maddaloni, si terrà un incontro/dibattito tra il Sostituto Procuratore del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, dott.ssa Annalisa Imparato, e gli studenti delle Scuole superiori dell’Opera maddalonese (Tecnico Industriale, Linguistico, Alberghiero e Tecnico Aeronautico) sul tema: “Droga e devianza sociale: prevenzione e contrasto di fenomeni che rappresentano un rischio assoluto per la salute, la sicurezza e il benessere della collettività”. L’incontro, che sarà moderato dal dott. Franco Tontoli del quotidiano “Il Mattino”, rientra nell’ambito dei cosiddetti “Percorsi di Legalità”, attivati dalla Fondazione Villaggio dei Ragazzi “don Salvatore d’Angelo” già a partire dal 2015 con l’obiettivo di promuovere tra i propri studenti la cultura della legalità, dell’inclusione sociale, del rispetto dell’ambiente e della persona.

In merito, il dott. Felicio De Luca, Commissario Straordinario dell’Ente socio – assistenziale, educativo e formativo maddalonese fondato da don Salvatore 75 anni fa, ha dichiarato: “Ringrazio la dr.ssa Imparato per aver accettato l’invito a questo incontro con i nostri studenti. Riteniamo importante essere sede di confronto su temi di così grande attualità e rilievo. Un Ente, che è anche cittadella scolastica, quale è il Villaggio dei Ragazzi, non può esimersi dall’affrontare tematiche del genere per tentare di arginare un fenomeno, come quello dell’uso di stupefacenti, foriero di grave malessere individuale e collettivo.

Non possiamo, né dobbiamo assistere impotenti al dilagare di dipendenze, come anche l’alcolismo, all’origine di gravi turbative sociali. Mi auguro che questo incontro di approfondimento possa rappresentare un ulteriore stimolo per i discenti ad intraprendere sempre percorsi di vita dignitosi, pieni e consapevoli”.