Orta di Atella. Covid, positivo isolato in casa. L’appello della sorella: “aiutatelo”

223

Quarantena ed isolamento sono importanti misure di salute pubblica attuate per evitare l’insorgenza di ulteriori casi secondari dovuti a trasmissione di SARS-CoV-2 e per evitare di sovraccaricare il sistema ospedaliero. Importante distinguere la quarantena dall’isolamento: la quarantena si attua ad una persona sana (contatto stretto) che è stata esposta ad un caso COVID-19, con l’obiettivo di monitorare i sintomi e assicurare l’identificazione precoce dei casi. L’isolamento consiste invece nel separare quanto più possibile le persone affette da COVID-19 da quelle sane al fine di prevenire la diffusione dell’infezione, durante il periodo di trasmissibilità.

Ora, se è complicato convivere con un positivo covid in famiglia, immaginate cosa possa voler dire avere il covid, vivere da solo in casa ed avere i familiari a molti chilometri di distanza. L’isolamento fin dopo la eventuale futura negativizzazione, significa sostanzialmente ‘relegazione’ domiciliare, perchè per chi si trova in questa situazione, il divieto di varcare la soglia di porta, si accompagna all’impossibilità di fare la spesa, di conferire i rifiuti, di poter continuare a vivere normalmente. Si rende necessario un aiuto, una forma di sostegno concreta per chi versa in tale circostanza peculiare.

Nella situazione testè illustrata, si trova ormai da diversi giorni il Signor Marco(nome fittizio), il quale vive da solo ad Orta di Atella. Egli prova continuamente, giorno e notte, a telefonare i vari numeri di emergenza covid, ma sino ad ora, non è ancora riuscito a parlare con nessuno. ‘Marco’ è una persona che ha bisogno di aiuto e chiede dignitosamente assistenza, anche per tutelare i suoi concittadini. Il nostro appello è che chi volesse dare una mano a questa persona, o conoscesse chi potrebbe aiutarlo, potrebbe farsi avanti contattandoci, per dare finalmente una scossa allo stato delle cose. Questa la nostra email: cecasertapiu@gmail.com. Di seguito, l’appello giunto in redazione, inviatoci dall sorella di ‘Marco’: “Buongiorno. Mio fratello, single, vive ad Orta di Atella da anni. È risultato positivo al covid ed ovviamente deve rimanere isolato in casa per un certo periodo. Questo gli impedisce, per esempio, di fare la spesa e smaltire i rifiuti. Io scrivo da Milano e non posso aiutarlo a cercare una soluzione. Possibile che ad Orta di Atella non esista un centro di assistenza generale per aiutare le persone in questa particolare circostanza? Spero mi possiate aiutare grazie”.