Progetto SEMI. Sviluppo e Meraviglia d’Impresa, I° evento bando dedicato a serre borboniche

22

Progetto SEMI – Sviluppo e Meraviglia d’Impresa Ecco gli ospiti del primo evento del bando dedicato alle serre borboniche

L’appuntamento è fissato per giovedì 7 luglio dalle 10:30 alle 12:30 e riunirà online diverse voci autorevoli del settore per spiegare le motivazioni di questo primo e inedito bando di gestione, promosso dalla Reggia di Caserta. Tra loro anche il direttore della Reggia di Caserta, Tiziana Maffei e il direttore generale musei del MiC, Massimo Osanna.


Il progetto SEMI – Sviluppo e Meraviglia d’Impresa entra nel vivo con il primo evento legato al bando dedicato alle serre borboniche. Giovedì 7 luglio, a partire dalle 10.30, il direttore della Reggia di Caserta, Tiziana Maffei, ospiterà una serie di professionisti che avranno modo di aprire una finestra sul ruolo delle serre borboniche nella storia della Reggia di Caserta e allo stesso tempo, raccontare la genesi del progetto di valorizzazione che ha portato alla definizione di questo primo bando del progetto SEMI.


7 luglio 2022: ospiti e destinatari

Una delle peculiarità del progetto SEMI – Sviluppo e Meraviglia d’Impresa sta proprio nella scelta, da parte della direzione della Reggia di Caserta, di approfondire le tematiche connesse non solo ai bandi in programma ma anche e soprattutto alle aree del complesso vanvitelliano coinvolte nel processo di valorizzazione e riqualificazione. Per il primo bando, la direzione d​ella Reggia di Caserta ha previsto due diversi momenti di approfondimento, pensati per tutti gli addetti ai lavori del settore interessati a intraprendere progetti di partnership con questa istituzione. Il primo, quello in programma giovedì 7 luglio (iscrizioni aperte, per partecipare compilare il form al link https://bit.ly/SEMI_iscrizionewebinar), sarà dedicato principalmente a conoscere meglio le serre borboniche, oggetto del bando, grazie alla partecipazione di alcuni esperti del settore.

Una panoramica sull’importanza del recupero e della valorizzazione di giardini e parchi storici è affidata ad Alberta Campitelli, vicepresidente di APGI – Associazione Parchi e Giardini d’Italia. Dopo questa introduzione, saranno diversi gli interventi dedicati specificatamente alle serre borboniche. Si inizia con un focus sulla storia di questo angolo del Giardino Inglese, luogo di produzione e sperimentazione per moltissimi esemplari botanici indigeni ed esotici. Ad alternarsi nel racconto saranno Paola Viola Patrizia Pulcini, Servizio Salvaguardia e valorizzazione del Complesso del parco e il direttore, Tiziana Maffei. A loro, si aggiunge il contributo di Marco d’Isanto, consulente per imprese e istituzioni culturali, che spiegherà il lavoro preliminare che ha portato alla realizzazione del bando fatto sulle serre borboniche. Chiudono questa sezione di approfondimento il professor Alberto Minelli (Università degli Studi di Bologna) e la professoressa Maria Rao (Università di Napoli Federico II), che faranno un intervento congiunto spiegando l’apporto scientifico e accademico che i due atenei potranno dare nella gestione delle serre borboniche. Spazio anche ad una case history di respiro nazionale: ad intervenire sarà Adele Re Rebaudengo, presidente della Venice Gardens Foundation che racconterà del restauro dei Giardini del Palazzo Reale di Venezia. Il programma si chiuderà con le conclusioni del direttore generale dei musei del MiCMassimo Osanna.


Oltre all’evento online del 7 luglio, la direzione della Reggia di Caserta organizzerà a settembre un sopralluogo alle serre borboniche. Il bando sarà pubblicato entro il 29 luglio 2022.

SEMI – Sviluppo e Meraviglia d’Impresa è un vero e proprio incubatore di progetti di valorizzazione e recupero di alcune aree del patrimonio della Reggia di Caserta. Alla base di questa nuova sfida, la volontà della direzione della Reggia di Caserta di adottare strategie e attività finalizzate a una diversa gestione del Parco Reale e, in generale, degli spazi produttivi interni o connessi alle Reggia, secondo un approccio sostenibile e in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’ONU. Ma non solo: a caratterizzare i bandi legati al progetto SEMI è la scelta di promuovere un partenariato con enti pubblici e privati per progettare il futuro di queste aree in chiave sostenibile’. Dall’ufficio comunicazione della Reggia di Caserta.