PROTEZIONE CIVILE CAMPANIA: ALLERTA METEO GIALLA DALLA MEZZANOTTE

20

“PROTEZIONE CIVILE CAMPANIA: ALLERTA METEO GIALLA DALLA MEZZANOTTE. TEMPORALI RAPIDI E INTENSI. RAFFICHE DI VENTO. GRANDINATE E FULMINI.

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un avviso di allerta meteo per piogge e temporali con livello di criticità idrogeologica di colore Giallo valido a partire dalla mezzanotte e fino alle 23.59 di domani, giovedì 26 gennaio. Queste le zone interessate: 1 (Piana Campana, Napoli, Isole del Golfo di Napoli, Area Vesuviana), 3 (Penisola Sorrentino-Amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini), 6 (Piana Sele e Alto Cilento). In queste aree si prevedono rovesci e temporali, che in alcuni punti del territorio potrebbero essere anche intensi. I fenomeni temporaleschi, infatti, saranno caratterizzati da rapidità di evoluzione (quindi essere improvvisi ma intensi) e potranno essere accompagnati da fulmini, grandine e raffiche di vento. Tra i principali scenari di evento connessi al rischio idrogeologico si evidenziano: Occasionali fenomeni franosi e possibili cadute massi per condizioni particolarmente fragili anche legate alla saturazione dei suoli; Innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua, allagamenti di locali interrati e posti al pian terreno, scorrimento superficiale delle acque nelle sedi stradali, ruscellamenti superficiali con possibili fenomeni di trasporto materiali. A causa della particolare tipologia dei fenomeni previsti, delle raffiche di vento e delle grandinate saranno possibili:

– danni alle strutture provvisorie (impalcature o strutture esposte alle sollecitazioni dei venti)

– caduta di rami o alberi

– danni alle coperture (per effetto della grandine). Si raccomanda alle autorità competenti di attivare i COC (Centri Operativi Comunali) e di attuare tutte le misure atte a prevenire, mitigare e contrastare i fenomeni previsti, in linea con i rispettivi piani comunali di Protezione Civile. Si richiamano i Sindaci a voler assicurare la corretta tenuta del verde pubblico e delle strutture esposte alle sollecitazioni dei venti”.