S. NICOLA LA STRADA. RICORSI SUI TRIBUTI: GLI ATTI FINISCONO IN PROCURA

121

‘Ci sono sentenze che – pur essendo senza alcun dubbio una buona notizia per la collettività – tuttavia non vorresti mai leggere.-lo scrive il Sindaco di San Nicola La Strada, Vito Marotta in una nota stampa,e prosegue-Non vorresti leggerle perché sono un brutto segnale, un allarme che scatta quando la legittima polemica politica e l’altrettanto legittima tutela dei cittadini sconfinano in un territorio che con la politica e con la legittimità non ha più nulla a che vedere.

Vengo ai fatti: il 17 novembre la Commissione Tributaria Provinciale ha pronunciato due sentenze su altrettanti ricorsi presentati contro il Comune di San Nicola la Strada, uno riguardante l’IMU, l’altro la TARI del 2015. Entrambe le sentenze hanno rigettato i ricorsi, confermando la legittimità dell’operato del Comune. Fin qui tutto bene. Ma nelle motivazioni, accanto ad una serie di argomenti che provano l’infondatezza e la pretestuosità dei ricorsi, la Commissione ha individuato alcune anomalie che potrebbero indicare una manomissione dei documenti e un “aggiustamento” delle date da parte del professionista che ha seguito le pratiche.

Dal momento che analoghe anomalie erano emerse anche da altri ricorsi usciti dallo stesso studio professionale, la Commissione Tributaria ha preso atto della possibilità che emergessero fatti di rilevanza penale che non rientravano nelle proprie competenze, ed ha trasmesso gli atti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di S. Maria C.V. ed alla Procura Regionale della Corte dei Conti. Vorrei che una cosa fosse chiara: so bene che la macchina amministrativa preposta alla gestione dei tributi nel nostro Comune, nonostante l’impegno degli impiegati e dei funzionari che vi lavorano, è tutt’altro che perfetta. Non voglio dilungarmi su questo. Noi ce la mettiamo tutta, ma se qualcuno pensa il contrario, non sarà certo un post di Facebook a convincerlo.

Non abbiamo mai preteso di essere infallibili o promesso di non sbagliare mai. Ci siamo però sempre impegnati al massimo per rimediare, per correggere gli errori, per riconoscere il buon diritto dei cittadini. E abbiamo sempre messo in guardia nei confronti di quanti tentano di approfittare delle difficoltà per andare a caccia di consensi facili e per mettere in piedi una vera e propria fabbrica di ricorsi. Le due recenti sentenze, e soprattutto il percorso giudiziario che hanno imboccato, confermano il nostro allarme: il canto ammaliatore delle sirene che promettevano rimborsi facili può sfumare nell’ululato di tutto un altro genere di sirene’.