San Prisco. Sottrazione e distruzione di corrispondenza, la scoperta della Polizia Municipale

32

Comunicato stampa attività indagine Polizia Municipale San Prisco (CE): “Sottrazione/distruzione/soppressione corrispondenza.

Si comunica che, il personale del Comando di Polizia Municipale di San Prisco, Comandato dal Cap. Foniciello G., e coordinato dal S. Ten. Ambrosino L., a seguito di attività di controllo del territorio rinvenivano abbandonate in area pedemontana numerosi plichi di postali. 

A seguito di attività di indagine, effettuata con vari sopralluoghi ed escutendo diversi soggetti, veniva constatato che si trattava di buste contenenti tributi destinati all’Ente Comune di San Prisco, e si ricostruiva che, dipendenti infedeli di imprese esterne deputate alla consegna di detti plichi alla popolazione, per trarre profitto senza sforzo, anziché procedere alla consegna degli stessi provavano a disfarsene abbandonandoli in aree di campagna e fuori mano nel tentativo di farne perdere traccia, arrecando notevole danno, quantificato in alcune decine di migliaia di euro, e disservizi all’Ente interessato ed a tutta la cittadinanza, che non avendo ricevuto materialmente i plichi, rischiava ulteriori sanzioni per i mancati pagamenti non derivanti da loro mancanza, risultando morosi. Veniva individuato un soggetto, e deferito all’Autorità Giudiziaria per i reati di sottrazione e soppressione di corrispondenza, nonché per la valutazione di ulteriori provvedimenti da porre in essere per punire detta delittuosa condotta. Detta attività si è resa necessaria e possibile, data la sensibilità dell’Amministrazione Comunale, nella persona del Sindaco D’Angelo Domenico, alle segnalazioni della cittadinanza che non riceveva i plichi postali. Su questo impulso, il Sindaco, incaricava questo Comando di attivarsi al fine di chiarire l’origine della problematica, portando a far luce sui fatti, nell’interesse di tutta la popolazione di San Prisco”.